<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1843732482513221&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Riduzione delle infezioni trasmesse per via aerea nelle strutture sanitarie

 

La pandemia da coronavirus è incominciata nei primi mesi del 2020. La malattia provoca sintomi respiratori e intestinali e, come un'infezione generale, dolori muscolari e mal di testa. La maggior parte delle persone riescono a reagire a questa malattia, ma una piccola percentuale di persone infette manifesta sintomi gravi: secondo le statistiche di fine marzo, circa il 5% delle infezioni confermate ha portato alla morte dei pazienti. La vecchiaia e le patologie immunosoppressive predispongono a un'infezione più grave.

 

Restrizioni, dispositivi di protezione e igiene 

 

La pandemia ha reso le persone in tutto il mondo consapevoli delle buone norme da adottare in caso di tosse e starnuti. Inoltre, l'uso di maschere protettive, che è stata a lungo considerata una prerogativa nei paesi asiatici, è ora un argomento d’interesse anche in altre parti del mondo. E’ difficile da accettare l'uso obbligatorio o raccomandato delle mascherine per le popolazioni occidentali, invece sono diventate comuni varie restrizioni riguardanti la mobilità e l'incontro tra persone.

 

Restrizioni, dispositivi di protezione e igiene sono tutti basati sulla stessa logica: poiché i virus sono particelle autoreplicanti che si spostano da un bersaglio all'altro con efficienza simile a quella di un robot, a causa della mancanza di medicinali e vaccini, gli effetti sull'uomo non possono essere fermati senza bloccare la catena di trasmissione. La società ha bisogno di metodi per eliminare i virus dispersi nell'aria perché attendere vaccini potrebbe richiedere anni.

 

Malattia trasmissibile sospesa nell'aria 

 

Molte malattie sono note per la loro capacità di essere veicolate dall'aria, come il vaiolo e la pertosse, ma per queste fortunatamente ci sono misure preventive sotto forma di vaccini. La velocità con cui si diffondono la SARS e le sue malattie correlate MERS e l'attuale Sars-Covid-19 è più problematica.

Un'adeguata protezione dalle goccioline è sicuramente efficace, ma le distanze di sicurezza (1,5-2 metri) potrebbero non essere sufficienti se una persona si muove e respira più del solito, ad esempio mentre corre. Inoltre, ci sono situazioni in cui le distanze non possono essere mantenute, come ad esempio durante le cure sanitarie e quelle odontoiatriche, in cui le particelle nanometriche vengono trasferite nell'aria. Tali particelle simili ad aerosol possono spostarsi a distanze maggiori all’interno della stanza, ed in Cina è stato dimostrato che la SARS si è diffusa da una stanza all'altra attraverso l’impianto di aria condizionata. 

 

 

La necessità di stanze d'isolamento e di dispositivi per la decontaminazione dell'aria nelle strutture sanitarie   

 

Nell'assistenza sanitaria di base, le misure di protezione comprendono solitamente stanze di isolamento nei reparti di degenza e le maschere protettive classe FFP3 per il personale sanitario. Fondamentalmente, gli operatori sanitari che sono in contatto diretto con i pazienti sono protetti e grazie alle camere d’isolamento il virus non si diffonde in altri reparti. Tuttavia, vi sono potenziali lacune nella trasmissione dei virus: normalmente le stanze dei pazienti non hanno una pressione negativa adeguata né sono dotate di una propria purificazione dell'aria. Le camere di isolamento sono poche all’interno degli ospedali e si trovano principalmente nel reparto malattie infettive.

La diffusione di malattie trasmissibili per aerosol potrebbe essere prevenuta migliorando la purificazione dell'aria nelle stanze e rivedendo la climatizzazione nel suo complesso, anche senza far diventare le camere dei pazienti delle stanze di isolamento. È importante che il personale sia potenzialmente meno esposto agli aerosol virali nelle zone in cui i pazienti vengono trattati con estrattori di muco o altre procedure di produzione di aerosol.

 

Un'assistenza sanitaria efficiente e di alta qualità, in condizioni normali, garantisce che il paziente riceva, in ambienti appropriati, un trattamento adeguato in base alla malattia contratta. Il 21 ° secolo ha ripetutamente messo in evidenza la minaccia di nuove malattie trasmissibili sospese nell'aria. Inoltre, la sicurezza sul lavoro ha ricevuto maggiore attenzione: abbiamo creato un luogo sicuro sia per i pazienti sia per il personale sanitario che si prende cura di loro?

Dovremmo affidarci a nuove procedure che garantiscano aria purificata all’interno di una struttura sanitaria: respiriamo aria sufficientemente pulita da essere considerata sicura? 

 

Scarica gratuitamente

Research Tests & Results of Genano air Decontamination Solutions.